mercoledì 25 febbraio 2015

Cosa significa fare le cose come una ragazza?

In questa campagna anti-stereotipi, la regista ha chiesto ad adulti e bambini di correre, lottare e lanciare come farebbe una ragazza, nella pubertà infatti, le donne perdono drasticamente fiducia in loro stesse. Solo il 19% di esse associa un'idea positiva all'espressione "come una ragazza"... questo è il risultato dell'intervista:



Amori malati: come riconoscere un compagno narcisista

Carissime Amiche,
gestendo questo blog da molto tempo, ho notato come molte di voi mi scrivono e chiedono confronti soprattutto per situazioni di violenza psicologica subita da partner di sesso maschile. Per questo oggi ho deciso di affrontare l'argomento di un genere di uomini che succhiano energie alle loro compagne fino a farle diventare dei gusci vuoti senza più vita: sto parlando dei narcisisti patologici, se riconoscete il vostro partner in questi punti che descriverò, potete correrei ai ripari, magari chiedendo aiuto!
Come si riconosce un partner narcisista?
Il narcisista è una persona molto sicura di sè, attraente e seducente ma incapace di amare. La sua sicurezza nasconde una grossa insicurezza:

"Le persone con una personalità narcisistica sono caratterizzate da senso di superiorità, esigenza di ammirazione e mancanza di empatia. Esprimono una credenza esagerata nel loro proprio valore o importanza, comunemente denominata grandiosità. Possono essere estremamente sensibili ai fallimenti, alla sconfitta, o alla critica. Se incontrano un fallimento, a causa della loro elevata opinione di se stessi, possono facilmente manifestare estrema rabbia o depressione. Dal momento che si vedono superiori agli altri spesso pensano di essere ammirati o invidiati. Credono di essere autorizzati a soddisfare i propri bisogni senza attendere, per cui possono sfruttare gli altri, i cui bisogni e opinioni vengono ritenuti di scarso valore. Il loro comportamento risulta solitamente offensivo per gli altri, che li vedono come auto-centrati, arroganti o egoisti. Questo disturbo di personalità si presenta tipicamente in uomini d’azione, ma può essere riscontrato anche in soggetti con scarsi successi".

La diagnosi secondo il criterio DSM IV richiede che almeno cinque dei seguenti sintomi siano presenti in modo tale da formare un pattern pervasivo, cioè che rimane tendenzialmente costante in situazioni e relazioni diverse:
  • Senso grandioso del sé ovvero senso esagerato della propria importanza
  • È occupato/a da fantasie di successo illimitato, di potere, effetto sugli altri, bellezza, o di amore ideale
  • Crede di essere "speciale" e unico/a, e di poter essere capito/a solo da persone speciali; o è eccessivamente preoccupato da ricercare vicinanza/essere associato a persone di status (in qualche ambito) molto alte
  • Desidera o richiede un’ammirazione eccessiva rispetto al normale o al suo reale valore
  • Ha un forte sentimento di propri diritti e facoltà, è irrealisticamente convinto che altri individui/situazioni debbano soddisfare le sue aspettative
  • Approfitta degli altri per raggiungere i propri scopi, e non ne prova rimorso
  • È carente di empatia: non si accorge (non riconosce) o non dà importanza a sentimenti altrui, non desidera identificarsi con i loro desideri
  • Prova spesso invidia ed è generalmente convinto che altri provino invidia per lui/lei
  • Modalità affettiva di tipo predatorio (rapporti di forza sbilanciati, con scarso impegno personale, desidera ricevere più di quello che dà, che altri siano affettivamente coinvolti più di quanto lui/lei lo sia)
Inoltre questa personalità è caratterizzata da: 
  • Vulnerabilità alla vergogna piuttosto che al senso di colpa;
  • Linguaggio del corpo altezzoso;
  • Adulazione nei confronti delle persone che li ammirano e li rafforzano;
  • Il detestare coloro che non li ammirano;
  • L'uso di altre persone senza considerare il prezzo di tale azione;
  • Il fingere di essere più importanti di quanto lo siano realmente;
  • Il vantarsi (sottilmente ma con insistenza) dei loro risultati e l'esagerarli;
  • L'affermare di essere un "esperto" in molte cose;
  • Incapacità di vedere il mondo dal punto di vista degli altri;
  • Negazione del rimorso e della gratitudine.
Chi ha un partner del genere spesso diventa vittima di esso, anche se all'inizio il narcisista fa credere che affianco a lui tutto sarà meraviglioso come una favola romantica, una volta conquistata la vittima iniziano gli insulti e la relazione diventa frustrante per la vittima che si illude di poter cambiare le cose e far tornare tutto come all'inizio della relazione. In generale, ecco alcuni consigli per chi vive con una persona che ha alcuni tratti di narcisismo:
  • Non sperare di cambiarlo. 
  • Niente aspettative: non pensare di ricevere gratificazioni per gli sforzi che fai. 
  • Per il narcisista la colpa è sempre degli altri: non badare alle sue giustificazioni. 
  • Non farti manipolare. 
  • Non farti sopraffare da collera o rabbia. 
  • Non diventare come lui/lei. 
  • Cerca di sviluppare una tua indipendenza. 
In ultimo, pensa a te stessa e cerca aiuto se ne hai bisogno.