sabato 26 maggio 2012

la storia di Valentina Pitzalis


"GUARDATE ME... NON FINITE COME ME!" 

In una relazione non dovete accettare MAI la gelosia morbosa, un uomo non può impedirvi di vedere degli amici, di uscire di casa, di vestirvi come più vi piace... un uomo che vi ama vi rispetta, non vi impedisce di vivere!

venerdì 25 maggio 2012

riconosci la violenza psicologica nella coppia

"io penso d esserne innamorata però ci sono suoi atteggiamenti che mi"spaventano"..è molto geloso..se esco coi miei amici deve esserci anche lui presente..mi ha controllato di nascosto siti a cui ero iscritta e io una volta scoperto l ho lasciato ma poi sono tornata da lui..." 


"non mi sento libera...libera di andare a mangiare una pizza con gli amici senza di lui xkè poi so che ci devo litigare e devo piangere e stare male dentro...so che il mio sfogo può sembrare superfluo rispetto a tutti questi ma leggendo il post mi sn resa conto che si sono presentate situazioni similari..come il sapere ossessivamente dove e con chi sono..farmi sentire insicura sul futuro..i miei progetti." 


"Per 1 anno sono stata con un ragazzo di 25 anni che mi obbligava sin dall'inizi del rapporto a fare tutto ciò che lui voleva..." 


"Non potevo uscire senza di lui, non potevo salutare nessuno neanche una barista, mi ha chiuso l'account facebook, l'account msn, e mi ha fatto chiudere i rapporti con tutti i miei amici/amiche, non potevo parlare con nessuno in famiglia, dovevo chiedere il permesso per fare la doccia, non potevo mettermi il deodorante perchè a lui non piaceva l'odore, non potevo farmi la piastra perchè a lui non piaceva, non potevo truccarmi perchè se no non ero abbastanza semplice, non potevo comprare qualsiasi cosa se a lui non piaceva,dovevo chiedergli il permesso per andare al bagno dentro casa mia, dovevo mandargli un messaggio al minuto dal momento in cui entravo dentro casa al momento in cui uscivo (ovviamento con lui) e se trasgredivo di 1 minuto la regola, la punizione era che non ci vedevamo nella giornata." 


"Tentava in ogni modo (dicendolo esplicitamente o lasciandolo intendere) di farmi passare per stupida, per una che non c'arriva (faccio presente che è l'unico in vita mia ad avermi detto questo), ero sempre inadeguata, vuoi per il mio abbigliamento vuoi per il mio modo di fare, ma non ero mai come lui voleva." 


"I miei capelli non andavano bene, la mia corporatura neanche, anche se per questo non ne faceva un obbligo, non mancava mai di farmi notare che mi avrebbe voluta diversa (non sono mai cambiata dall'inizio della storia). I miei amici non andavano bene (chi perchè antipatico, chi perchè "sfigato", chi perchè avevo un modo di vivere che non si confaceva al suo) e per tanto sarebbe stato meglio evitarli. Questo per quanto riguarda le amicizie femminili, quelle maschili erano invece bandite del tutto, secondo lui non avrei potuto nemmeno andare al bar per un caffè o ricevere una telefonata da loro (perchè in caso contrario ero una prostituta e lo avrei fatto sfigurare davanti al mondo). Ad ogni telefonata voleva sapere dov'ero, con chi e perchè."


"I miei desideri venivano smepre dopo i suoi (sempre se erano considerati...)." 

Ragazze, queste sono alcune delle lettere ricevute da voi riguardo questo argomento.. molte di voi non riescono a riconoscere un maltrattamento di questo tipo e ho notato molta confusione tra di voi... la cosa che mi rattrista di più è che molte delle ragazze che mi scrivono sono giovanissime! Perchè buttare così la nostra vita? Un maltrattamento psicologico ti spegne dentro... proviamo a ribellarci sempre a questi fidanzati che ci tengono chiuse in una gabbia. Ho deciso di fare un post su questo argomento proprio perchè dalle vostre parole è evidentissimo il vostro disagio , forse, servirà a qualcuna per riconoscere la violenza psicologica e fare i primi passi per uscirne. RICORDATE SEMPRE CHE AMARE VUOL DIRE PRIMA DI TUTTO RISPETTARE E AVER FIDUCIA, UN PARTNER CHE VI CONTROLLA E VI SVILISCE NON VI AMA, PERCHE' NON HA RISPETTO PER LA VOSTRA PERSONALITA'.


Ricordate che:
la violenza psicologica consiste nel manipolare l’altro per indurre stress, per mantenere od ottenere il potere nella relazione, facendosi burla delle necessità dell’altro, a volte fino a togliergli ogni esistenza personale.
Comprende:
La molestia e violenza verbale, i comportamenti sadici che procurano sofferenza, i comportamententi tesi a sottovalutare l'altro, i comportamenti tesi a manipolare l'altro, il rifiuto affettivo di uno dei due all'interno della coppia, le pretese eccessive o sproporzionate rispetto alle possibilità dell'altro, i comandi e le ingiunzioni contradditorie ed impossibili da attuare.



lunedì 7 maggio 2012

Previeni la violenza, adotta la campagna!

Ho deciso di adottare la campagna pubblicitaria contro la violenza sulle donne... Questa campagna è un regalo. Questa campagna contro la violenza sulle donne è diversa da tutte le altre. Perché è un regalo che potrà passare di mano in mano. Più liberamente circola, più aiuterà le donne a capire che la violenza ha mille volti, anche i più insospettabili: dobbiamo imparare a riconoscerla. Soprattutto le più giovani, finché sono in tempo. Insomma, impariamo a non scambiare la violenza per amore!
Chiunque fosse interessato a diffondere questi messaggi e adottare la campagna si può rivolgere al sito www.riconoscilaviolenza.it

Amare, vuol dire prima di tutto rispettare!
Ricordiamo sempre che noi non possiamo aiutare un uomo che ci picchia! Ha bisogno certamente di aiuto, ma non il nostro! Ecco perchè dobbiamo allontanarci subito da un uomo violento!
I bambini soffrono moltissimo quando vedono conflittualità tra i genitori! Non aiutiamo nessuno se restiamo insieme ad un uomo violento!
Il rispetto verso noi stesse è un dovere, chi ci picchia, ci insulta e ci  tratta come fossimo degli oggetti non merita il nostro amore.

sabato 5 maggio 2012

I'm Gay Any Problems? (Vinciamo L'Omofobia!)





Carissime, la pagina di facebook "I'm Gay Any Problems?" è nata per combattere l'omofobia e raccogliere la testimonianza di chiunque voglia metterci la faccia per dire NO all'omofobia. Ho deciso di pubblicizzare la loro iniziativa su questo blog perchè mi è sembrata davvero molto utile, per il fatto che moltissimi gay sono costretti a nascondersi per paura di essere picchiati, rifiutati, discriminati e a volte uccisi solo perchè amano una persona dello stesso sesso, e io, amando una donna ho deciso di aderire alle loro iniziative. Questa volta però "I'm gay any problems?" si occuperà di violenza sulle donne. Come noi sappiamo molto bene ogni giorno molte donne vengono uccise o abusate e loro vogliono manifestare il loro sdegno e aiutare le vittime di queste violenze che spesso hanno paura di denunciare. Ricordate che il nostro silenzio è la loro forza. Ogni sera ci sarà una linea telefonica aperta dove potrete interagire con loro.


Numero di telefono per SMS : 3935789612


Ecco invece il link della pagina, aggiungetela in tanti:

http://www.facebook.com/imgayanyproblems